BREAKING NEWS


Come investire in futures, una guida per principianti


Benvenuti in questo articolo, che per voi sarà la bibbia da consultare prima di potervi permettere di investire in futures, dandovi una visione generale del mercato dei future, oltre ad una descrizione dei principali strumenti e tecniche comuni nel mercato. Come vedremo, vi sono diverse tipologie di futures, che coprono gli ambiti più disparati del mondo degli investimenti, ed è dunque impossibile entrare in dettaglio in ognuno di queste. Ma vi consigliamo intanto, qualora decideste di investire nel mercato dei futures, di documentarvi in maniera più specifica sul singolo mercato: più sforzo metterete nella preparazione, maggiore sarà la possibilità di ottenere successo.



Ora, sebbene i futures possano essere utilizzati per arginare eventuali altre posizioni d’investimento, possono anche essere utilizzati per della mera speculazione. Utilizzarli così apre un elevato potenziale di ottenere dei riscontri positivi a causa dell’effetto, ma porta anche rischi più importanti a causa del medesimo fattore. Prima di iniziare a fare trading in futures, dovrete non solo prepararvi al massimo, ma anche essere assolutamente certi e in grado di accettare le eventuali perdite nelle quali potrete incorrere.

La struttura base del mercato dei futures


Cerchiamo intanto di capire come funziona il mercato dei futures, come differisce dagli altri mercati e come agisce l’effetto leva sui vostri investimenti.

Avrete probabilmente familiarità con il concetto di strumenti finanziari derivati. Un derivato è semplicemente un qualsiasi strumento finanziario che "deriva" il suo valore dal movimento dei prezzi di un altro strumento. In altre parole, il prezzo del derivato non è funzione di un valore intrinseco, ma della variazione del valore dello strumento che il derivato sta monitorando. Ad esempio, il valore di un derivato legato all’indicce S&P 500 è funzione dei movimenti dei prezzi dell’indice stesso.

I futures sono tra i più antichi contratti derivati. Essi sono stati originariamente progettati per consentire agli agricoltori di tenersi al riparo dalle variazioni dei prezzi dei loro raccolti tra il momento in cui venivano piantati e l’attimo della raccolta e immissione sul mercato. Proprio da qui, molti contratti si concentravano su cose come il bestiame e i cereali. Da allora, il mercato dei futures si è ampliato per includere contratti collegati a una vasta gamma di attività, tra cui i metalli preziosi, i metalli industriali, l’energia, le obbligazioni e le azioni.

Le differenze dei futures dagli altri strumenti finanziari


I contratti futures differiscono in diversi modi dagli altri strumenti finanziari. Per cominciare, il valore di un contratto future è determinato dal movimento del sottostante, e quindi il contratto future di per sé non ha alcun valore intrinseco. In secondo luogo, i futures hanno una vita limitata. A differenza delle azioni, che possono avere valore per sempre, un contratto futures ha una data di scadenza impostata, dopo di che il contratto cessa di esistere. Ciò significa che quando si scambiano i futures, la tempistica del mercato è di vitale importanza. Di solito si ha un po’ di scelta quando si deve scegliere su cosa scommettere.


Ad esempio, ci potrebbero essere contratti futures sulla soia con date di scadenza distanziate di un paio di mesi per il prossimo anno e mezzo (cioè, ottobre 2015, dicembre 2015, marzo 2016, giugno 2016, agosto 2016, dicembre 2016.) E sebbene possa apparire ovvio che più a lungo è valido il contratto, maggiore è la possibilità che la vostra opinione sia corretta, questo tempo aggiuntivo ha un costo. I contratti a scadenza più distante di solito sono più costosi di quelli con scadenza più ravvicinata. E a volte possono vedere il proprio prezzo di compravendita incrementare a causa della loro illiquidità.

Una terza differenza è che, oltre a fare delle scommesse definitive sulla direzione del mercato, molti traders in future impiegano strumenti più sofisticati, i cui risultati dipendono dal rapporto di diversi contratti tra loro. Forse la differenza più importante, tuttavia, tra i futures e la maggior parte degli altri strumenti finanziari disponibili per gli investitori individuali è l'uso della leva finanziaria.

La leva finanziaria


Per comprare o vendere un contratto a termine, un investitore non deve pagare per l'intero contratto, al momento dell'avvio della negoziazione: in realtà, si fa un piccolo pagamento anticipato per aprire la posizione. Come esempio, immaginiamo la negoziazione di un contratto future sull'indice S&P 500. Il valore di questo contratto, è di 250 volte il livello dell’indica S&P 500. Quindi, ad un valore dell'S&P di circa 1400, il valore del contratto futures è di 350,000 dollari ($ 250 x 1400). Per Aprire la posizione, però, l’investitore dovrà all’inizio versare solo il margine iniziale di 21.875 dollari.

Che cosa succede se il livello dell’indice S&P cambia? Beh, se l’indice giunge a 1500, poco più di un aumento del 7%, il contratto raggiungerebbe il valore di 375.000 dollari ($ 250 x 1500.) Ricordate che il nostro investitore ha versato solo un margine iniziale di $ 21.875, ma ha ormai raggiunto un profitto di 25.000 dollari, con un guadagno del 100%. Questa capacità di raggiungere un tale profitto nonostante un minimo spostamento dell’indice sottostante è un risultato diretto della leva finanziaria, ed è uno dei motivi per cui alcune persone ‘vivono’ di negoziazione in contratti futures.

Vediamo ora, però, quello che potrebbe accadere se l'S&P 500 scendesse di valore. Se l'S&P avesse una flessione di dieci punti (a 1390), il contratto arriverebbe a di $ 347,500, e il nostro investitore avrebbe una perdita di $ 2.500. Ogni giorno, il cambio sarà confrontare con il valore del contratto future sul conto del cliente e si aggiungeranno o sottrarranno i profitti e le perdite al margine iniziale del cliente. Lo scambio richiede che questo equilibrio rimanga sopra certi livelli minimi, che nel caso dello S&P 500 è 17.500 dollari. Così, nel nostro esempio, il trader avrebbe una perdita sulla carta di 2.500 dollari, ma non sarebbe necessaria a richiedere il versamento di fondi supplementari sul proprio conto.

Che cosa accadrebbe se l'S&P giungesse a 1300? In tal caso, il contratto futures avrebbe un valore di 325.000 dollari, e il margine iniziale del cliente di 21.875 dollari sarebbe completamente sparito. L’effetto leva ha valore in entrambe i sensi, quindi una perdita del 7% dell’indice S & P si tradurrebbe in una perdita reale di denaro per l’investitore. Se questo si verificasse, l'individuo sarebbe tenuto a depositare più fondi sul proprio conto al fine di riportarlo allo stato di equilibrio inziale.

0  commenti :



MarketMovers.it -Blog finanziario -2016-2017. © Alcuni diritti riservati. Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Italia . Grafica by Rulez88

-->