BREAKING NEWS


Beverage: meno calorie nelle bevande


Le tre più grandi aziende di beverage- Coca-Cola, PepsiCo e la Pepper Snapple Group Dr - si sono impegnate a ridurre il numero di calorie delle bevande zuccherate attraverso una combinazione di marketing sulla distribuzione e l'imballaggio.

L'impegno assunto presso il 10° Clinton Global Initiative a New York, è stato un riconoscimento da parte delle società del ruolo che i loro prodotti giocano nel problema dei tassi di obesità nel paese ed i tassi crescenti di diabete e malattie cardiache.


"E' una cosa incredibile", ha detto l'ex presidente Bill Clinton in un'intervista telefonica. "Ho sentito che potrebbe significare un paio di chili di peso persi ogni anno in alcuni casi."

Clinton ha detto che nelle comunità a basso reddito, le bibite zuccherate possono rappresentare una metà o più delle calorie che un bambino consuma ogni giorno. Le bibite zuccherate rappresentano circa il 6 per cento delle calorie giornaliere del consumatore medio.


Entro la fine di questo decennio, se non prima, le vendite di acqua in bottiglia dovrebbero superare quelle delle bibite gassate.

I ricercatori affermano che i batteri intestinali risultano modificati nei soggetti che consumano dolcificanti artificiali, e ciò porta intolleranza al glucosio.



Usando il loro invidiabile peso nella commercializzazione e distribuzione, le aziende mirano a ridurre il consumo di calorie di ogni americano di bevande zuccherate del 20 per cento in media entro il 2025.

Essi mirano ad espandere la presenza di basso e nessun contenuto calorico nelle bevande e usare le loro abilità promozionali per educare e incoraggiare i consumatori a ridurre le calorie che stanno bevendo.

Il programma colpirà anche i distributori automatici, i negozi, così come i dispensatori di bevande gasate, come quelle che si trovano nei ristoranti fast-food e nei cinema. Le società controllano quasi tutte queste macchine, oltre a circa un terzo dei distributori automatici e l'80 per cento dei refrigeratori.

Saranno anche avviate nei negozi di alimentari, promozioni e altre forme di commercializzazione. "Useremo le leve più importanti che abbiamo a nostra disposizione, e la messa a fuoco sarà davvero sulla trasformazione del paesaggio delle bevande negli Stati Uniti nei prossimi 10 anni", ha detto Susan Neely, direttore esecutivo della American Beverage Association.

I funzionari della sanità pubblica sono preoccupati per l'aumento dei problemi di salute associati con l'obesità ed hanno esortato le aziende alimentari e delle bevande a migliorare la qualità nutrizionale dei loro prodotti.

Le vendite di bevande zuccherate sono in calo per più di un decennio, grazie ad una maggiore consapevolezza tra i consumatori circa il legame tra le loro abitudini alimentari e la loro salute. Dal 2000 al 2013, le calorie consumate con bevande zuccherate è sceso del 12 per cento, secondo Beverage Digest. Ciò è dovuto al calo delle vendite di soda e l'aumento del consumo di acqua e bevande a basso contenuto calorico.

Le aziende hanno ampliato i loro portafogli per includere acqua, succhi di frutta energy drink, bevande sportive, e continuano a diversificare. Quest'anno, la Coca-Cola ha acquistato una quota di minoranza in Monster, la società di energy drink.



Non mancano però gli scettici a riguardo del buonismo delle aziende di beverage: "Ho il sospetto che stiano promettendo una cosa sta già per accadere in ogni caso", ha detto Kelly Brownell, un esperto di obesità e professore presso la Duke University. "Tutte le tendenze mostrano una diminuizione del consumo di bevande ad alto contenuto calorico e quindi quale modo migliore per ottenere una spinta a livello di immagine che  promettere di fare quello che sta accadendo in ogni caso?"

L'ex presidente Clinton ha riconosciuto quanto sia difficile spingere i consumatori a cambiare le loro abitudini. "Quando ero al mio primo anno di college cercavo di vivere con un dollaro al giorno. Ho bevuto almeno una ed a volte anche due bottiglie di Royal Crown Cola al giorno perché costavano solo 15 centesimi,".

Ma dopo un intervento al cuore nel 2004, il signor Clinton, una volta affezionato ben noto di cibi grassi, ha modificato radicalmente la sua dieta. Ha detto che ora beve per lo più acqua o tè freddo, anche se gli piace Gatorade G2, una bevanda per sportivi con 30 calorie.

Alla domanda se avesse qualche consiglio per i consumatori che sperano di cambiare le loro abitudini in modo simile, Clinton ha detto: "provate a bere un bicchiere di acqua prima di ogni pasto, questo contribuisce drasticamente al taglio dell'apporto calorico e senza morsi della fame. E 'una strategia semplice, ma funziona per me. "

0  commenti :



MarketMovers.it -Blog finanziario -2016-2017. © Alcuni diritti riservati. Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Italia . Grafica by Rulez88

-->