BREAKING NEWS


I segnali di trading forex e borsa funzionano?


Una delle tante pubblicità sui segnali di trading.
Se fino a pochi anni fa la borsa in generale e quindi il trading in azioni, CFD ed il Forex erano un’attività di ridottissima nicchia, oggi, grazie anche alla diffusione delle tecnologie necessarie, quello degli investimenti è diventato un fenomeno in grande diffusione. Il settore offre grandi margini di profitto ai broker ed alle banche che non hanno quindi risparmiato in termini di investimenti promozionali messi in atto per attirare una clientela sempre maggiore.

Come conseguenza della grande espansione di pubblico si sono fatti largo in numero sempre maggiore siti che si offrono come “fornitori di segnali”. Anche gli stessi broker hanno cominciato ad offrire ai propri clienti questi servizi. Chiaramente il servizio è rivolto ai traders meno competenti, che non sarebbero capaci di generare profitti agendo da soli o che comunque non si sentono sicuri ad operare in autonomia.

Come si può fare trading con i segnali?


Fare trading con i segnali è davvero molto semplice: il sito o il broker di riferimento segnalano tramite mail/sms/pagina internet riservata i livelli esatti di entrata ed uscita, su uno o più cambi indici o titoli, lasciando al trader solo la discrezionalità dei volumi. In questo modo il cliente sa esattamente cosa deve impostare in piattaforma e può decidere quanto denaro investire nell'operazione.

Fare trading con i segnali è realmente profittevole?

La risposta a questa domanda potrebbe essere si, ma anche no. Dipende tutto dal fornitore di segnali a cui ci si affida


Truffe sui segnali di trading

Si tenga sempre presente che nel web le truffe sono sempre dietro l'angolo, di conseguenza esistono una miriade di fornitori di segnali non funzionanti ai quali interessa solo ricevere il pagamento della quota mensile/annuale.
Esistono diverse strategie attuate dai fornitori di segnali fake per non perdere troppi iscritti. Per esempio inviare ad un 50% degli iscritti i segnali contrari inviati all'altrà metà. In questo modo il 50% dei clienti ha ricevuto segnali la cui somma è per forza un guadagno e dovrebbe continuare a pagare l'abbonamento.   Non ci avevi pensato èh ?!    :)

Per queste motivazioni sarebbe bene evitare di iscriversi a fornitori di segnali a pagamento che millantano guadagni record senza spiegare un briciolo della loro strategia
Inoltre è sempre meglio rivolgersi ai servizi di segnali offerti da qualche trader che mette la propria faccia con nome e cognome piuttosto che a fantomatiche società che macinano PIPS fasulli. Generalmente questi trader offrono oltre ai segnali servizi di formazione per spiegare la loro metodologia.


I segnali dei broker

Secondo l'esperienza del team MarketMovers.it i segnali offerti dai broker sono generalmente gratuiti, ma di scarsa qualità. Affidarsi a questi segnali pensando di fare un trading sensato e profittevole è pura follia. 

Cosa è meglio fare?

La cosa migliore da fare sarebbe tradare con la propria testa cercando una strategia proprietaria. Poniamo il caso che il tuo fornitore di segnali di fiducia abbia un problema nell'invio delle mail, o addirittura sparisca dalla circolazione. Ha senso basare il trading sui segnali di terze parti? Si può chiamare trading un'attività di semplice replica dei segnali? A voi la risposta.

0  commenti :



MarketMovers.it -Blog finanziario -2016-2017. © Alcuni diritti riservati. Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Italia . Grafica by Rulez88