BREAKING NEWS


5 cose da sapere prima di investire in Vertcoin


Di base il codice della altcoin Vertcoin, ticker VTC, è un hard fork del codice sorgente Bitcoin del 2014, ma VTC  condivide con Bitcoin più del codice sorgente del 2014.

Le recenti implementazioni adottate dalla blockchain di Bitcoin sono state infatti introdotte nel progetto della coin. In Italia è poco conosciuta, ma Vertcoin cresce quasi silenziosa senza cedere alla tentazione di chiedere fondi gratuiti attraverso campagne di fundraising. Prima di investire in Vertcoin, però, ci sono almeno cinque cose che devi sapere.


La criptovaluta “del popolo” resistente agli ASIC

Gli ASIC sono dispositivi hardware usati per coniare le nuove monete digitali in grandi quantità, essi hanno il difetto di monopolizzare una criptomoneta, di fatto centralizzandola. Per questo motivo Vertcoin adotta un algoritmo speciale chiamato Lyra2RE8(v2) resistente a questi computer specializzati.
Questo è il motivo principale per cui i fondatori definiscono Vertcoin come la coin “del popolo”. Per estrarre Vertcoin a basso costo, basta un PC con un buon processore AMD o una scheda grafica dalle prestazioni accettabili. In alternativa in futuro sarà possibile comprare Vertcoin scambiandola con bitcoin o litecoin alla velocità della luce ed a zero commissioni di scambio, come vedremo di seguito.

Vertcoin non nasce da una ICO

La criptomoneta non ha usato il sistema delle ICO (initial coin offering) per finanziare il progetto,e  neppure è stato necessario il cosiddetto pre-mine (l’estrazione di una certa quantità di coin come forma di autofinanziamento prima del lancio ufficiale). Nemmeno è mai stato effettuato un Air-Drop. Il team di sviluppo è comunque aperto ad eventuali donazioni monetarie.

Adotta la stessa tecnologia di Bitcoin

Come accennato in apertura di articolo, Vertcoin implementa le stesse tecnologie di aggiornamento del codice Bitcoin. VTC ha introdotto l’aggiornamento conosciuto come segwit che ha reso la rete veloce e le transazioni più sicure ed economiche. Ha inoltre implementato la Lightning Network usata per ridurre a zero i costi di commissione e aumentare il numero di transazioni gestibili contemporaneamente.

Il LitBox

Introducendo la Lightning Network, Vertcoin ha potuto avviare lo sviluppo di un innovativo apparecchio hardware chiamato LitBox, che funziona come un router casalingo. Il LitBox si connette alla rete internet domestica, e gestisce unicamente le transazioni economiche fatte dal possessore dell’apparecchio attraverso la Lightning Network. Una soluzione davvero interessante perché il possessore di Vertcoin non è costretto a lasciare le sue monete digitali nelle mani di terze parti ma le gestisce direttamente.
La caratteristica che stuzzica la fantasia è che il LiBox in fase di sviluppo è compatibile anche con altre coin che usano la Lighting Network: Bitcoin e Litecoin. Come dicevamo, sarà quindi possibile acquistare Vertcoin utilizzando due delle criptomonete più diffuse.


Il Lightning Wallet

Vertcoin sta sviluppando uno dei primi Lightning wallet multicoin di cui si è a conoscenza. L’applicativo nasce mobile e oltre a gestire Vertcoin, consentirà l’amministrazione dei bitcoin e dei litecoin. Il portafoglio opererà su LIT, una delle quattro implementazioni di Lightning Network esistenti usate per attivare i nodi della LN.


Concludendo

La regola generale valida prima di investire in Vertcoin e nelle altre valute digitali è di approfondire la conoscenza del progetto, verificare che il team di sviluppo sia attivo ed aggiorni continuamente il codice con nuove funzionalità e caratteristiche.
Ti potrebbero anche interessare:

0  commenti :

-->