BREAKING NEWS


Il mercato azionario potrebbe sorprendere positivamente nel 2016


Nonostante le previsioni negative della maggior parte degli analisti che sembrano muoversi come gli utlimi vagoni del treno, cioè con analisi a posteriori, non è detto che il 2016 debba riservare catastrofi nei portafogli azionari europei ed USA. Il prezzo del petrolio, che sembra essersi correlato direttamente con tutti i mercati potrebbe tornare a salire molto prima di quanto ora si pensa. Sotto i 30$ al barile infatti, molti produttori stanno cominciando a storcere il naso e probabilmente questi livelli di prezzo non saranno sopportati ancora per molto. 


Il quantitative easing europeo inoltre, ha determinato rendimenti negativi in tutte le obbligazioni a breve termine, rendendo di fatto impossibile cercare di investire in obbligazioni con ritorni positivi. La BCE potrebbe inoltre rafforzare ed estendere al 2017 il QE condizionando positivamente i mercati.

Cosa è successo nelle prime 2 settimane del 2016

Le vendite sono state intense, e le borse europee sono entrate ufficialmente in territorio di mercato orso questo Venerdì (15 gennaio 2016), quando l'indice Stoxx Europe 600 ha chiuso in calo del 20 per cento rispetto al suo livello record nel mese di aprile 2015. Il ritmo della caduta è stato così veloce che ha raggiunto circa la metà del rally partito nel 2011. Gli investitori americani si sono rifugiati nel mercato statunitense del Tesoro, ciò ha spinto il rendimento sul T-note a 10 anni al di sotto del 2 per cento per la prima volta da diversi mesi .


Il futuro potrebbe sorprendere positivamente


A causa di tutto ciò, c'è molta titubanza per vedere cosa succederà e se questa è solo una turbolenza. "Non sono nel panico. Non credo che questa sia una crisi finanziaria" , ha riferito Jack Ablin , chief investment officer per BMO Private Bank , che sovrintende 68.000.000.000 $ . "Io non sono d'accordo con quelli che dicono di vendere tutto e nascondersi in un rifugio antiaereo . Tutto questo fa parte della ri-valutazione del mercato".

C'è una lista di cose che potrebbero cambiare il sentiment in positivo. Le banche centrali potrebbero intervenire. I consumatori potrebbero iniziare a spendere più dei soldi che stanno risparmiando sui costi energetici . Il petrolio potrebbe, come fa spesso l'oil, risalire.

La crescita in Cina - dove il benchmark Shanghai Composite ha perso un ulteriore 3,6 per cento il Venerdì - potrebbe sorprendere. Ci può essere un segnale positivo già la prossima settimana, quando il governo dovrebbe riferire che le vendite al dettaglio sono aumentate dell'11,3% nel mese di dicembre 2015.

Articolo tratto e riadattato da Bloomberg Finance.

0  commenti :



MarketMovers.it -Blog finanziario -2016-2017. © Alcuni diritti riservati. Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Italia . Grafica by Rulez88

-->