BREAKING NEWS


Non date i vostri soldi a Telethon, ecco perchè


DALLA VIVISEZIONE SUGLI ANIMALI AI MILIARDI RACCOLTI SENZA NESSUN RISULTATO. TUTTA LA VERITA' SU TELETHON.


Enti caritatevoli e fondazioni, sembrerebbero organizzazioni lodevoli per il fatto che destinano i proventi derivanti dalle donazioni alla giusta causa. Ma la verità è un’altra, amministratori e dirigenti hanno stipendi d’oro e giganteschi rimborsi spese. Volano in prima classe, se non su aerei privati, soggiornano negli hotel più lussuosi e pranzano nei ristoranti più eleganti, grazie alle vostre donazioni. Infatti si è scoperto che certi Istituti e Enti di beneficenza spendono più del 40% degli introiti per coprire i costi amministrativi”.



Quando si accende la TV le richieste di donazioni di denaro ad enti benefici o presunti tali, sono sempre più pressanti. Questo è dovuto alla semplicità ed alla velocità nel trasferimento di denaro garantita da strumenti alla portata di tutti come sms o una breve chiamata da telefono fisso.
Ancora più pressanti e molto fastidiose sono le maratone Telethon che puntualmente arrivano nelle nostre case tramite la rete televisiva di Stato.

Chi è Telethon?

Telethon è un’organizzazione senza fini di lucro che ha come obiettivo il finanziamento della ricerca sulle distrofie muscolari e le altre malattie genetiche rare per cercare di trovarne una cura. Il presidente di Telethon è Luca Cordero Di Montezemolo, ex presidente della Ferrari. Non esiste nessuna raccolta fondi in campo scientifico che sia in grado di mettere in campo così tante risorse e rastrellare così tanti soldi. Del resto, la Rai ha presentatori sempre disposti a metterci la faccia come Conti, Frizzi, Venier, Insinna, Clerici.


Dove vanno a finire i soldi donati a Telethon?

Quando prendete in mano il vostro cellulare per inviare il fatidico sms sentite dentro di voi di stare compiendo una buona azione. Pensate che i vostri 2 euro verranno spesi interamente per finanziare la ricerca scientifica... bè in realtà non è proprio così.
Innanzitutto è bene sapere che la Telethon, ha numerosi costi di gestione a cui sopperire: dipendenti, proprietà immobiliari, marketing e pubblicità.
La maratona televisiva costa alla società circa 13 milioni di euro.

E' la stessa Telethon a spiegare sul proprio sito che per ogni euro donato il 20% viene impiegato per spese di raccolta fondi, mentre il 5% viene speso per il funzionamento dell'organizzazione. 

Il restante 75% delle donazioni è speso per finanziare progetti di ricerca interni ed esterni che avranno altri costi di gestione annessi e connessi.

Secondo una stima, se il 70% delle donazioni va a finire in ricerca effettiva, è già tanto.

Telethon e la vivisezione

Fra le associazioni più note che finanziano la vivisezione c'è Telethon. 
La direttrice generale di Telethon, Francesca Pasinelli asserisce che c’è troppa polemica sulla vivisezione. "Provare su un modello animale un farmaco prima di arrivare sull’uomo è necessario e inevitabile!. A Telethon non piacciono le campagne contro la sperimentazione dei farmaci sugli animali. Si tratta del solito stereotipo secondo il quale la sperimentazione animale sarebbe necessaria per salvare la vita di un bambino, “sacrificando” quella di un topo. Ovviamente, Telethon non informa chiaramente il pubblico su quanta parte della propria "ricerca" è in realtà vivisezione, né su quanta parte dei fondi raccolti va a finanziare la sperimentazione sugli animali;


Opinioni negative su Telethon



Il giornalista piemontese Elso Merlo si è espresso negativamente su Telethon dicendo: “Non sono un talebano delle grandi battaglie, né un antispecista e nemmeno animalista. Farei torto agli animalisti veri. Sono solo uno che si preoccupa del futuro, anche il mio. Vorrei che la gente incominciasse a guarire di malattie considerate incurabili. Ho rispetto dei volontari, di chi non la pensa come me” conclude “ma fa male al cuore veder strumentalizzati i bambini, i malati, per cercare di portare soldi a chi ne fa il proprio business, e non la nostra salute”.
Ad attaccare Telethon c'è anche Davide Ranzini ''Dietro la facciata di un buonismo televisivo benevolmente ipocrita e un po' cialtrone, recitato da una mediocre parata di "stelle" del mondo dello spettacolo arruolate all'uopo, quale tipo di ricerche e quali risultati concreti sono stati ottenuti fino ad oggi, con le generosissime offerte di centinaia di migliaia di telespettatori?"

Jacques Testard, direttore della ricerca presso l’Istituto Nazionale Francese della Sanità e della Ricerca Medica Inserm, afferma: “è scandaloso.Telethon raccoglie annualmente tanti euro quanto il bilancio di funzionamento di tutto l’Inserm (Francia). La gente pensa di donare soldi per la cura. Ma la terapia genica non è efficace. Se i donatori sapessero che il loro denaro, prima di tutto è utilizzato per finanziare le pubblicazioni scientifiche, ma anche i brevetti di poche imprese, o per eliminare gli embrioni dai geni deficienti, cambierebbero di parere".

Le industrie farmaceutiche non hanno interesse a risolvere i problemi


L'industria farmaceutica trae profitto dall'utilizzo costante di farmaci, questo significa che ha tutto l'interesse nel preparare farmaci che alleviano, ma non risolvono i problemi.
Esistono così moltissimi "abbonati" al farmaco che non possono più fare a meno delle cure.
Se esistesse una pianta naturale in grado di curare un certo disturbo, l'industria farmaceutica cercherebbe di costruire in laboratorio un prodotto brevettabile e vendibile. Perché una pianta non si può brevettare, ma un preparato di laboratorio si.
Chi ha interesse quindi a debellare le malattie? NON CERTO LE INDUSTRIE DEL FARMACO.

0  commenti :



MarketMovers.it -Blog finanziario -2016-2017. © Alcuni diritti riservati. Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Italia . Grafica by Rulez88

-->