BREAKING NEWS


Perchè la Cina ha svalutato lo Yuan?


La valuta cinese ha movimentato i mercati globali in questa torrida settimana di Agosto, settimana che sarebbe potuta passare inosservata visto il periodo estivo dominato dall'assenza di liquidità con la maggior parte degli operatori in vacanza. Tuttavia è proprio l'assenza di liquidità che genera a volte grandi scossoni e quindi aumento di volatilità sia ad agosto che a fine anno.

Torniamo però ad analizzare l'improvvisa mossa della banca centrale cinese: la decisione ha suscitato timori di una nuova guerra valutaria e addirittura ha attirato le ire del candidato presidenziale repubblicano Donald Trump.



Allora, cos'è successo?

Martedì scorso, la Banca popolare di Cina, la banca centrale, ha apportato un cambiamento significativo nel modo in cui gestisce lo yuan, consentendo ai mercati di svolgere un ruolo più importante nella valutazione della moneta.

Il fixing giornaliero dello yuan contro il dollaro USA è sempre stato fissato  in base al livello di chiusura della valuta del giorno precedente, ma la PBOC non era eccessivamente influenzata dai movimenti di mercato, ed ha talvolta spinto la valuta nella direzione opposta.

La moneta poteva oscillare "solo" del 2 per cento al di sopra o al di sotto del livello fissatto dalla banca centrale, mantenendo così uno stretto controllo sulla moneta, il meccanismo ha contribuito a proteggere la Cina durante i periodi di crisi dei mercati, come la crisi finanziaria in Asia e la crisi finanziaria globale.

Allora perché cambiare ora? 


La mossa è stata spiegata come una riforma fondamentale per consentire al mercato di guidare il valore della valuta. Ciò sarebbe motivato da un tentativo di avere lo yuan come valuta accettata dal Fondo monetario internazionale nel suo paniere di valute di riserva, ponendolo al livello delle altre valute importanti come il dollaro, euro, yen e sterlina inglese, aumentando così la statura globale della Cina. Lasciando il mercato libero di guidare lo yuan dovrebbe accontentare i critici che accusano la Cina di controllare la propria valuta per aiutare gli esportatori a discapito di altre nazioni.

Il FMI ha accolto con favore il cambiamento, anche se ha aggiunto che si aspetta di vedere come il nuovo meccanismo sarà implementato.

Lo yuan non si era mosso molto da marzo e la manovra arriva proprio quando i dati mostrano una grande caduta delle esportazioni.

Un mix di tagli dei tassi d'interesse e di stimoli fiscali per stimolare la crescita vogliono ridare forza alla Cina. Così, indebolendo la moneta, il pensiero è che le esportazioni avranno una grande forza per mandare su di giri l'economia.

Un altro motivo citato da alcuni esperti è la caduta in Cina delle riserve valutarie.

Qualunque sia la ragione, una valuta più debole non risolverà tutto; il calo delle esportazioni è almeno in parte a causa della debolezza della domanda nei mercati chiave come l'Europa, per esempio. La debolezza dello yuan non può essere la soluzione di tutto.

0  commenti :



MarketMovers.it -Blog finanziario -2016-2017. © Alcuni diritti riservati. Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Italia . Grafica by Rulez88

-->