BREAKING NEWS


Il calo del petrolio mette in crisi la Russia


Il calo del prezzo del petrolio sta privando il presidente russo Vladimir Putin del suo più grande alleato.

Il petrolio è sempre stato favorevole al potere di Putin da quando prese il posto di Boris Eltsin nel 2000, alimentando un boom economico che è cresciuto del 7 per cento annuo dal 2000 al 2008.

Ora, con la crescita economica scivolata vicino allo zero, la Russia è scossa dalla sanzioni da parte degli Stati Uniti e dall'Unione europea oltre che da un rublo al minimo storico. Putin, la cui popolarità è stata superiore dell'80 per cento prima dell'annessione della penisola di Crimea nel mese di marzo, potrebbe avere meno soldi per aumentare le pensioni statali ed i salari, mentre le aziende colpite dalle sanzioni cercano aiuti di Stato per mantenere la spesa.



"Le sue valutazioni rimangono elevate, ma una persona che conduce una politica così rischiosa deve capire i limiti della pazienza per le persone, le imprese e classe politica", ha detto Olga Kryshtanovskaya, una sociologa che studia le dinamiche del paese presso l'Accademia Russa delle Scienze a Mosca.

Il Brent è sceso di oltre il 20 per cento da giugno, con un taglio di miliardi di dollari di entrate fiscali dal business di esportazione più importante della Russia.  Secondo la banca d'investimento Sberbank CIB il bilancio cadrà in deficit il prossimo anno se il prezzo del petrolio sarà inferiore a 104 dollari al barile. A $ 90, la Russia avrà un deficit del 1,2 per cento del prodotto interno lordo. A Londra i contratti sul Brent di novembre sono scesi del 4,3 per cento stabilendosi a 85,04 dollari.

Interventi sul mercato dei cambi


Il paese ha speso circa 6 miliardi di dollari per interventi sul mercato valutario questo mese cercando di mantenere la moneta a galla.
 

Sanzioni

La più grande compagnia petrolifera russa, OAO Rosneft (ROSN); produttore di gas OAO Novatek (NVTK) e il più grande finanziatore, OAO Sberbank, sono tra le aziende destinatari delle sanzioni.


Secondo Alexei Kudrin, il ministro delle finanze 2000-2011 che ha guidato i conti della Russia verso il surplus, le sanzioni inflitte alla Russia sottraggono dall'1 all'1,5 per cento del PIL, ma  i prezzi del petrolio sono una minaccia più grande.

"Le sanzioni stanno avendo un impatto in tutto", ha detto Kudrin per telefono. "Non è solo per la perdita di denaro, ma anche il clima degli investimenti mostra peggioramento, passando da una fuga di capitali e una discesa della valuta."

Il Fondo monetario internazionale all'inizio di questo mese ha ridotto le sue previsioni di crescita 2015 per la Russia allo 0,5 per cento dall'1 per cento nel mese di luglio. Secondo Charlie Robertson, il capo economista di Renaissance Capital Ltd. la Russia affronterà una crescita debole anche allo scadere delle sanzioni UE,

"La crescita è praticamente inesistente quest'anno e non sarà molto meglio l'anno prossimo", ha detto Robertson aggiungendo che l'economia potrebbe contrarsi dell'1,7 per cento nel 2015, se i prezzi medi del  greggio saranno sugli 80 dollari al barile.


Alcuni funzionari del Cremlino hanno detto che dopo l'annessione della Crimea, si aspettavano misure da parte degli Stati Uniti per spingere artificialmente i prezzi del petrolio verso il basso, in collaborazione con l'Arabia Saudita, al fine di danneggiare la Russia.. Il portavoce di Putin, Dmitry Peskov, non ha risposto ad una richiesta di commento sulla questione, né ha risposto nel corso di quattro giorni di chiamate chiedendo un commento sull'importanza del petrolio per Putin.

"I prezzi sono manipolati", ha detto il portavoce di Rosneft il 12 ottobre, in un'intervista con la radio Russkaya Sluzhba Novostei. "L'Arabia Saudita ha iniziato ad offrire forti sconti sul petrolio. Si tratta di manipolazione politica, manipolazione dall'Arabia Saudita, che può finire male per questo ".


La ragione per cui l'Arabia Saudita ha tagliato i prezzi del greggio all'inizio di questo mese è stato quello di aumentare i margini di raffinazione per i clienti e la mossa non ha segnalato l'aumento della concorrenza per le quote di mercato.

Il bilancio russo perde circa 80 miliardi di rubli ($ 2 miliardi di dollari) per ogni dollaro di discesa del prezzo del petrolio, secondo Maxim Oreshkin, capo della pianificazione strategica presso il Ministero delle Finanze.

Nel 2009, la Russia ha registrato un deficit di bilancio del 5,9 per cento quando il petrolio era in media a 61,30 dollari al barile, il 40 per cento in meno rispetto ai $ 98 che erano necessari per equilibrare il bilancio dello stesso anno.

Il prezzo del petrolio è crollato ai minimi in quattro anni e la crescita della domanda rallenta. La produzione negli Stati Uniti è in prossimità del picco più alto negli ultimi 30 anni. I produttori della Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio, tra cui l'Arabia Saudita e l'Iraq, hanno tagliato i prezzi.


Riserve di valuta

Le riserve valutarie russe sono a livello più basso degli ultimi quattro anni dopo essere diminuite di 57 miliardi di dollari nel 2014 a 455 miliardi. Il rublo, in calo del 20 per cento rispetto al dollaro quest'anno, è caduto per cinque settimane, il più lungo tratto di perdite da marzo.

La Banca centrale della Russia è intervenuta nel corso degli ultimi 10 giorni per stabilizzare il rublo, come ha confermato il Governatore della Banca Centrale Elvira Nabiullina. L'azione finora non è riuscita a fermare il declino del rublo in mezzo a una carenza di valuta estera derivante dalle sanzioni.



La Russia ed il petrolio


Le fortune economiche della Russia hanno sempre oscillato insieme alle oscillazioni dei prezzi del petrolio. Nel 1970, dopo l'embargo petrolifero arabo, ci fu un'impennata dei prezzi, che avvantaggiò il leader sovietico Leonid Brezhnev propagando un periodo di prosperità e crescente influenza globale.


Un eccesso di petrolio nel 1980 ha portato ad un calo di sei anni dei prezzi, contribuendo al fallimento dell'Unione Sovietica nel mantenere i propri scaffali pieni di beni di consumo di base e minando la sua economia. Putin ha descritto il crollo dell'Unione Sovietica come la più grande catastrofe geopolitica del 20 ° secolo.

I prezzi del greggio sono rimasti bassi durante la presidenza di Eltsin, quando l'economia è stata colpita da iperinflazione, salari arretrati e calo dei livelli di vita che culminarono nella crisi finanziaria russa del 1998.

La "dipendenza" dal petrolio "è sempre stato il motivo principale per il crollo dell'Unione Sovietica," ha dichiarato Michael Bradshaw, professore di energia globale presso la Warwick Business School di Coventry. "Putin ha guidato un'ondata di alti prezzi del petrolio nei suoi primi due termini, quindi il suo lavoro ora potrebbe essere più complicato se i prezzi rimangono verso il basso."

Con i prezzi del petrolio che cadono in mezzo ad una grande varietà di forniture a livello mondiale e la domanda in rallentamento, la Russia potrebbe essere costretta a toccare i propri fondi sovrani per salvare le imprese bloccate dalle sanzioni da prestiti internazionali.



Se Putin è preoccupato per lo stato dell'economia della Russia, egli non lo sta mostrando.

"Lo Stato è pronto a sostenere le aziende colpite dalle sanzioni esterne ingiustificate", ha detto il presidente in un forum bancario a Mosca il 2 ottobre, aggiungendo che le misure dovrebbero contribuire a rafforzare la volontà della Russia di rilanciare la crescita.

Se i prezzi del greggio rimangono depressi, il Cremlino potrebbe tagliare i programmi sociali.


"Questo regime è consapevolmente preparato ad affrontare i prezzi bassi del petrolio rispetto alle autorità nel 1990", ha detto Gaddy. "E 'possibile che siano troppo sereni, ma Putin è un pianificatore strategico che ha certamente considerato la vita in vari punti di prezzo."

Evitato dagli Stati Uniti e dall'Unione europea, la Russia sta intensificando gli sforzi per raggiungere le altre nazioni. Il premier cinese Li Keqiang il 14 ottobre ha firmato un accordo con il primo ministro Dmitry Medvedev per costruire un corridoio di trasporto ad alta velocità che collega Mosca e Pechino.

I due paesi hanno firmato un accordo da 400 miliardi dollari, per la fornitura di 30 anni di gas naturale, dopo più di un decennio di trattative. Le banche cinesi hanno intensificato il loro lavoro per contribuire a colmare il vuoto creato dalla chiusura dei mercati del debito degli Stati Uniti ed Europa.


L'Armenia la scorsa settimana ha firmato un accordo per unire Russia, Bielorussia e Kazakistan nell'Unione economica eurasiatica, concepita da Putin come una versione post-sovietica della UE.

Putin è riuscito a evitare la disoccupazione di massa durante la crisi finanziaria del 2008, quando il prezzo del petrolio è sceso ulteriormente e più velocemente rispetto a ora, ha detto Gaddy da Brookings. Se la Russia affronta una crisi estesa ora, la sua gestione delle crisi potrebbe servire come modello.

"Se c'è un prolungato periodo di bassi prezzi, è fondamentale che le persone non perdano il lavoro", ha detto Gaddy.

0  commenti :



MarketMovers.it -Blog finanziario -2016-2017. © Alcuni diritti riservati. Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Italia . Grafica by Rulez88

-->