BREAKING NEWS


Segnali di ripresa per l'economia europea


Nel braccio di ferro tra l'ottimismo e lo scetticismo degli investitori e degli analisti in Europa, il vantaggio sta per i tori azionari.

Gli analisti che hanno alzato le stime di profitto per le imprese europee hanno superato il numero di giudizi negativi per la prima volta dall'aprile 2012. Un segno di ottimismo dopo che il reddito delle società è sceso in due degli ultimi tre anni. Un indice di revisione compilato settimanalmente da Citigroup Inc. è tornato positivo il 5 settembre, dopo il taglio inaspettato dei tassi di interesse della Banca centrale europea e l'annuncio di un piano per acquistare titoli.



"E 'bello vedere finalmente un miglioramento delle revisioni alimentato dal un euro inferiore rispetto ai modelli di previsione," ha dichiarato Lars Kreckel, uno stratega azionario globale con sede a Londra presso Legal & General Investment Management. "Con la BCE sembra che tutto sia stato messo al suo posto per una storia positiva."

Gli stimoli della BCE


La BCE ha sorpreso gli investitori la scorsa settimana, tagliando i suoi tre principali tassi di interesse e dicendo che inizierà a comprare titoli di credito per spingere i prestiti. Da quando ha assunto la presidenza della Banca centrale europea nel novembre 2011, Mario Draghi, si è impegnato a fondo per sostenere la ripresa economica.

Anche l'Europa sembra essere uscita dalla recessione, il rimbalzo ha richiesto molto tempo per problemi nelle aziende, come la forza dell'euro che ha pesato sugli esportatori. Con la BCE, il rafforzamento delle misure di stimolo simili a quelle attuate dalla Federal Reserve si preannuncia una solida ripresa dell'economia.


Forex:Euro più debole

 


"Ci sono segnali che la pressione sulle imprese europee dall'effetto valuta sta cominciando a diminuire", ha detto Andrew Parry, che aiuta a controllare circa 3,4 miliardi dollari come chief executive officer di Hermes Sourcecap Ltd. a Londra. "Stiamo cominciando a vedere piccoli aggiornamenti nelle stime degli utili complessivi per la prima volta da molto tempo".

La ripresa in Europa potrebbe essere troppo debole per incrementare i guadagni secondo Mike Franklin, chief investment strategist presso Beaufort Securities Ltd. Gli economisti prevedono che l'economia dell'area dell'euro si espanderà solo l'1 per cento quest'anno , con l'Italia stagnante e la crescita in Francia a solo 0,6 per cento.

"La visione degli analisi può cambiare molto rapidamente," scrive Franklin. "Le prospettive per la zona euro dipendono fortemente dalla capacità dei singoli Stati membri di adottare azioni per stimolare la crescita in aggiunta alle azioni di Mario Draghi. Ci vorranno almeno diversi mesi, per avere un'evidenza dei benefici di tali misure".

L'indice che rappresenta le aziende in Europa al di fuori del Regno Unito elaborato da Citigroup, dimostra che gli analisti stanno diventando meno pessimisti. Gli ultimi mesi del 2014 contribuiranno a incrementare i profitti per arrotondare il più forte anno di crescita dal 2010 per le imprese europee, secondo David Hussey di Manulife Asset Management.


"Abbiamo avuto orde di downgrade nella parte centrale di questo anno," ha detto Hussey da Londra. "L'euro troppo forte ha fatto davvero male al mercato azionario europeo. Con l'azione di Draghi l'euro comincia a indebolirsi. Il quadro sta migliorando, ci è voluto soltanto più tempo del previsto. "

0  commenti :



MarketMovers.it -Blog finanziario -2016-2017. © Alcuni diritti riservati. Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Italia . Grafica by Rulez88

-->